Mrs. Gombos, aged 86 has been hit by cars 5 different times in the past years. She uses the thermal water of 36-38 degrees Celsius for rehabilitation several times a week. Because of its unique properties, the water is perfectly capable of alleviating the consequences of bone fractures, thus it might serve as a perfect supplementation of rehabilitation following accidents. Foto di Simon Moricz Sabjàn

Saranno luoghi particolarmente suggestivi come Palazzo Massari, la Chiesa di San Giuliano, la Chiesa di San Paolo, l’Ex Refettorio di San Paolo, l’ Ex Ipsia-Ex Monastero di Santa Caterina Martire ed infine la Porta degli Angeli – normalmente non accessibili al pubblico- a trasformarsi in veri e propri spazi espositivi, aperti a partire dal 10 settembre e fino al 03 ottobre, tutti i venerdì, sabato e domenica mentre come di consueto il quartier generale del Festival e sede espositiva sarà la Factory Grisù.

Oltre alle 19 mostre del circuito ufficiale, per la prima volta Riaperture accoglie anche il CIRCUITO OFF, ovvero un percorso parallelo alla manifestazione che comprende 30 progetti fotografici selezionati tramite open call e ospitati all’interno delle attività ricettive e commerciali del centro storico di Ferrara, consolidando ancor di più il legame con la città e i suoi attori principali.

Infine, come da tradizione, Riaperture PhotoFestival porta avanti il suo consueto concorso fotografico a cui è stato possibile partecipare inviando sia un solo scatto, che un intero progetto. Tra i vincitori di quest’ultima categoria troviamo Francesco Andreoli con (UN) VAXXED, Gianmarco Caroti con Quartiere 5 e, infine, Camilla Milani per Un Tempo, Il Nostro; mentre i riconoscimenti per i “singoli scatti” sono stati assegnati a Barbara Pau con EtheReal, Francesca De Chirico con Autoritratto e Karina Castro con Human Domination on Harth.  I progetti di Francesco Andreoli e di Barbara Pau sono stati ospitati a Mantova lo scorso luglio nell’ambito del Programma Off 2021 della Biennale della Fotografia Femminile, partner di Riaperture Photofestival.

LE MOSTRE DI RIAPERTURE PHOTOFESTIVAL 2021

I non-luoghi ferraresi ospiteranno i progetti ideali firmati dai grandi nomi della fotografia e dai nuovi talenti. 

Ad animare la V edizione – IDEALE di Riaperture PhotoFestival ci sarà uno dei nomi più importanti della fotografia italiana, Franco Fontana, che torna a Ferrara dopo 50 anni dalla sua personale al Palazzo dei Diamanti con la mostra Franco Fontana. Personale per Ideale.

Si viaggerà per il travagliato Est Europa, e più precisamente per le Donbass stories, con gli scatti del fotoreporter Giorgio Bianchi, in compagnia dei protagonisti Spartaco e Liza. Si farà tappa in Corea con Korean Dream, immortalati dal fotografo documentarista Filippo Venturi. Con Alessandro Cinque, si attraverserà il focoso Cile con Chile despertò, mentre con il progetto Chas Chas di Luis Cobelo ci si immergerà in un’atmosfera magica che omaggia Buenos Aires grazie a un particolare quartiere poetico conosciuto come Parque Chas. Ci si salverà rifugiandosi nei chiaroscuri firmati da Francesco Comello de L’isola della salvezza, per poi immergersi nel progetto Drowning World project – Submerged Portraits di Gideon Mendel, fino a incontrare tutto il mondo al Jova Beach Party. Cronache di una nuova era di Francesco Faraci. Si rifletterà sui tanti cambiamenti avuti con l’arrivo del famigerato Covid-19 con When Everything Changed Covid-19: The European Epicenter di Fabio Bucciarelli, e si racconteranno i tanti colori dell’amore con il progetto Rainbow Families firmato da Eleonora Calvelli. L’amore è un tema che ritorna anche nel film di Serena Vittorini dal titolo En ce moment, in cui due giovani donne si incontrano e si innamorano durante il ferreo lockdown imposto dal Covid-19. Della stessa autrice sarà presente anche il progetto Through you, un lavoro audiovisivo che raccoglie una serie di conversazioni che la Vittorini ha avuto con persone conosciute tramite una comune app di incontri dopo la rottura con la sua compagna.

Oltre che sull’Uomo, è giusto acuire lo sguardo anche sulla Natura e alle sue intrinseche potenzialità, e a farlo è Marco Buratti con Bio Minds: dalla natura per la natura. Dalla natura si passa ai Fiori Nudi, femminili e profondi, di Arianna Genghini per poi perdersi nei marcati contrasti della fotografa Lea Meienberg di È Così la Vita – An ode to standstill e, successivamente far albergare lo sguardo nelle Cento case popolari di Fabio Mantovani

Infine ci si potrà immergere nelle opere dell’artista visiva Christy Lee Rogers, una mostra che si compone di lavori estratti da due collezioni ben distinte, ovvero Muse e Human e che Riaperture intende regalare alla Città rendendola accessibile gratuitamente non solo durante i weekend del Festival, ma per tutte le giornate di apertura del Giardino e della Caffetteria di Palazzo Schifanoia. Il progetto è collegato al World Water Day Photo Contest, il concorso fotografico internazionale indetto ogni anno dal Lions Club Seregno AID con l’intento di sensibilizzare le coscienze sull’importanza dell’acqua come diritto fondamentale dell’umanità.

Per attraversare le tante storie e gli altrettanti scatti che costellano Ferrara, vi consigliamo di consultare e scaricare la mappa direttamente sul sito ufficiale di Riaperture PhotoFestival.

GLI APPUNTAMENTI TARGATI RIAPERTURE PHOTOFESTIVAL 

Le attività previste durante i 4 weekend di Riaperture Photofestival:

16 visite guidate in compagnia degli autori, 9 talk, 6 caffè con gli autori, 3 incontri “Ideali”, 3 eventi formativi targati Riaperture Academy (Workshop di Franco Fontana/Masterclass di Fabio Bucciarelli/Conferenza di Giorgio Bianchi) e 4 performances teatrali in collaborazione con il Teatro OFF, nell’ambito del Festival Bonsai di microteatro, a cui è stato chiesto di reinterpretare il concetto di “Ideale” attraverso letture e pieces teatrali due delle quali legate alle mostre di Arianna Ghenghini e di Lea Meienberg, a sottolineare la volontà di Riaperture di promuovere sinergie con realtà locali e nazionali dall’indubbio valore culturale. 

Ad aprire le porte degli Incontri “Ideali” sarà un’animata Tavola Rotonda inaugurale tutta al femminile che avrà luogo sabato 11 settembre 2021 alle ore 11.00, cui prenderanno parte Azzurra Immediato, Francesca Interlenghi, Giulia Rizzini e Laura Tota presso la Factory Grisù, moderate dal Direttore Artistico del Riaperture Photofestival, Giacomo Brini.

Sempre sabato 11 settembre il secondo incontro “ideale” è alle ore 16.00 con “La cura” di Francesca Interlenghi, mentre domenica 3 ottobre alle ore 11.30 Renata Ferri parlerà del ruolo del Photoeditor. 

Il ricco calendario di tutti gli appuntamenti è consultabile comodamente sul sito ufficiale di Riaperture. A salire in cattedra per ciò che riguarda la sezione Academy c’è la Masterclass, Il Fotogiornalismo, condotta da Fabio Bucciarelli che si terrà sabato 18 -dalle 10.30 alle 17- a cui seguirà la visita guidata riservata alla sua mostra presso la Chiesa di San Paolo e domenica 19 settembre 2021 – dalle 10.30 alle 19.00; per poi passare al workshop di Franco Fontana che avrà luogo venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 settembre 2021 -dalle 15.00 alle 19.00- e infine alla Conferenza “Dal progetto fotografico al documentario” Di Giorgio Bianchi che si terrà sabato 2 ottobre alle ore 18.00. 

Il programma sempre aggiornato è consultabile alla pagina dedicata sul sito di Riaperture.

Biglietterie con bookshop e merchandising 

Le mostre sono aperte venerdì, sabato e domenica nel periodo dal 10 settembre al 3 ottobre 2021
ore 10.00 – 19.00

Biglietterie:
– Factory Grisù – via Ortigara 11
– Chiesa di San Paolo – piazzetta Schiatti, via Porta Reno 60

ingresso 16 € – online 14 €
Soci Riaperture, Ferrara OFF, La Papessa Mantova, CNA, IBS Libraccio tessera fedeltà, YoungerCard, MyFe Card, studenti, over 65, disabili e accompagnatori 14 €. Ingresso gratuito per i bambini fino a 13 anni.